TENNISTAVOLO CUS BERGAMO ASD

Il tennistavolo è uno sport di opposizione mediata (cioè un confronto senza contatto diretto fra i contendenti, ma solo attraverso attrezzi, le racchette).

Durante il gioco, il giocatore deve mettere l’avversario nell’incapacità di rinviare la pallina e quindi il giocatore cerca di utilizzare la velocità. L’efficacia di un giocatore dipende principalmente dalla sua capacità di mettere in condizione l’avversario di non inviare la pallina. Si tratta in buona sostanza di privare l’avversario di tempo per reagire e invece di guadagnare tempo per sé per agire.

Il tennistavolo può essere praticato da tutti: bambini, adulti, anziani e persone diversamente abili. Richiede per la sua pratica spazi ridotti (meno di 30 mq),l’attrezzatura non è costosa e può essere praticato sia in ambienti chiusi che aperti.

E’ un gioco che consente, acquisiti semplici rudimenti di base, un coinvolgimento immediato dei suoi praticanti. E’ un buon strumento per allenare l’attenzione e la concentrazione. Stimola l’acquisizione di informazioni dagli organi di senso: vista, udito, tatto, equilibrio, tensioni muscolari: per esempio quando guardo la pallina che dovrò colpire devo calcolare la velocità, la rotazione, la traiettoria,la direzione, la forza da dare per l’impatto. Sollecita l’organizzazione delle abilità sia motorie che cognitive: infatti quando giochi devi sempre sapere cosa fare, di fatto sei sempre alla ricerca di nuove soluzioni di gioco che esprimi attraverso delle azioni. E’ un mix di abilità alla massima velocità!

L’età migliore per imparare è intorno ai 5-6 anni, ma in ogni caso tutti possono praticare questo sport, salvo controindicazioni specifiche mediche.
Ovviamente i risultati saranno diversi per ogni individuo. Più presto si comincia a giocare e più è probabile che raggiungere risultati a livello agonistico.
In ogni caso tutti possono praticare questo sport, con risultati diversi e obiettivi diversi.